Seleziona una pagina

Un blog aziendale, soprattutto per le PMI, dà la possibilità all’impresa di comunicare in modo meno formale e distaccato, come i comunicati stampa o le brochure, ma chiaro e autorevole rispetto ai messaggi pubblicitari. La pubblicità non riesce a comunicare, a rendere credibili e non ha spazio per approfondire. Il blog aziendale comunica in modo attivo, affiancato anche da un design accattivante, arrivando direttamente nella mente dell’utente, con argomenti di suo interesse.

Ha spazio, ad esempio, per approfondire l’utilizzo di un prodotto, per dare consigli, per aggiornarli sulle novità. Oppure, come per le realtà artigianali, dove l’esperienza, le competenze, il lavoro hanno grande valore, il blog può rappresentare uno strumento vantaggioso per mostrare tecniche di lavorazione, trucchi del mestiere e abilità artistiche .

“Creare risposte per cui l’utente sia interessato a cercarti”

Funziona perché è costruito sulle abitudini del cliente: al sorgere di un dubbio, l’utente pone lo domanda al web attraverso il proprio device e cerca comodamente la risposta. Nostro compito è costruire un blog ad hoc affinché questi dubbi atterrino sul tuo sito. Un blog che pubblica continuamente articoli, che affronta tematiche in linea con le ricerche degli utenti, ha più possibilità di essere LA risposta del cliente. Inoltre sono contenuti che il cliente non ha chiesto di ricevere pertanto può utilizzarli come e quando vuole, senza alcuna pressione.

“È il cliente che stesso che ti ricerca!”

Poi, attraverso attività di remarketing, dando per scontato che i contenuti siano di qualità, possono essere pubblicizzati e ottimizzati con tag affinché raggiungano più rapidamente l’utente.  Il remarketing è uno strumento che consente di mostrare annunci agli utenti che hanno visitato il tuo web. Ad esempio “Booking.com”: una volta che un utente visita il sito per controllare la disponibilità in un hotel a Parigi, le volte successive, durante la sua navigazione, anche in pagine differenti, comparirà sempre un annuncio con le migliori offerte del periodo per gli hotel a Parigi. Lo scopo è di permettere di tornare nuovamente in contatto con gli utenti che hanno visitato il sito in precedenza, attraverso annunci pertinenti.

Infine, Lasciare uno spazio in cui gli utenti possano esprimersi dà modo di vedere cosa ne pensano e rispondere in modo diretto. Questa un’opportunità per aumentare la relazione con gli utenti e renderla più “vicina”.  Anche i brand più conosciuti hanno utilizzato il blog per coinvolgere i clienti e aumentare la loro consapevolezza sul prodotto.

 

Ancora dubbi?

La prima cosa che fai quando cerchi un informazione su un’azienda?  Digiti il nome su Google.

Tra i risultati di ricerca vai a scegliere tra i primi …ecco perché parlavamo di ottimizzazione “SEO”, un sito ben ottimizzato compare tra i primi risultati. Statisticamente parlando si dice che l’utente medio clicca entro i primi 5 risultati di ricerca o comunque entro la prima pagina, raramente va oltre. Perciò essere tra i primi aumenta le possibilità di entrare in contatto con l’utente e al contempo di soddisfare la sua ricerca.

Una volta entrato nel sito, la navigazione dev’essere semplice, intuibile e accattivante.  Sezioni, news, articoli gestiti bene, post di qualità e non semplicemente ricondivisi, invogliano alla lettura e a rimanere più tempo sul sito. La presenza di collegamenti social e di uno spazio per l’interazione concede la libera espressione al lettore e crea una relazione attiva.

In Italia, si parla di circa 3 milioni di blog, con quasi il 60% degli utenti web che li ha visitati almeno una volta. I frequentatori abituali sono invece circa 10 milioni, e coloro che scrivono i loro commenti sono oltre 4 milioni e mezzo. Sta evidentemente diventando un fenomeno di massa.