Seleziona una pagina
I dispositivi mobili hanno indubbiamente cambiato le abitudini quotidiane. Su 22 milioni di utenti che si collegano in internet mediamente ogni giorno, 17,6 milioni accedono da device mobili (smartphone e tablet) e 9 milioni solo dal mobile. (ultime Fonti Audiweb, febbraio 2015).

Milioni di Utenti che si collegano ad Internet

%

Accessi da Desktop

%

Accessi da Smartphone & Tablet

%

Accessi solo da Smartphone

Un’impresa oramai non può non considerare di avere un sito web responsive. Cosa significa? Nella progettazione dei siti non è automatica la visualizzazione negli schermi dei device mobile. La visualizzazione desktop su un dispositivo mobile potrebbe risultare complicata e poco usabile. Immagina di fare una ricerca su google e scoprire che il sito di tuo interesse abbia un testo troppo piccolo, tale da dover zoomarlo per una corretta lettura, link non cliccabili perché di un carattere troppo piccolo, e lo scorrimento non funzionante. Cosa faresti? abbandoneresti il sito! Questo perché non hai avuto una buona user experience. Considerando le statistiche degli utenti che navigano da dispositivi mobili non si può rimanere indifferenti su questa sezione del web design. Non tanto perché Google prevede delle penalizzazioni a tal proposito perché non è vero, piuttosto la mancata usabilità di un sito porta inevitabilmente gli utenti ad abbandonare la navigazione ed a non fare più ritorno sulla pagina. Quindi cosa devo fare un sito “mobile-responsive”? Ecco, un sito responsive e un sito mobile sono due cose differenti I siti classici si vedono bene su schermi grandi ma spesso sono inutilizzabili sui dispositivi mobili. Un sito mobile viene visualizzato bene nei dispositivi mobili ma non su schermi più grandi o con alte definizioni. Un sito responsive è visibile e in grado di adattarsi in vari tipi di schermo. La differenza nella progettazione è che esistono versioni desktop e mobile di uno stesso sito (in cui la versione mobile è poggiata su una sottocategoria del sito, ad esempio m.facebook.it) e siti che progettati già in partenza, si compongono di un set di pagine che non vengono sdoppiate ma rimangono tali anche nella visualizzazione mobile (->siti responsive). La guida di Google sull’ottimizzazione di un sito web in versione responsive consiglia:

 

  • Evitare l’uso di software che non sono comuni sui dispositivi mobili, come Flash
  • Il testo deve essere leggibile senza zoom
  • Misurare correttamente gli spazi dello schermo in modo che gli utenti non debbano scorrere orizzontalmente
  • I link sono messi uno distante dall’altro per riuscire a cliccare un collegamento alla volta

Perché dovrei ottimizzare il i sito in versione responsive?

Google è mobile friendly

con l’ultimo aggiornamento dell’algoritmo il motore di ricerca indicizza più facilmente nelle SERP (pagine dei risultati di ricerca) i siti responsive, indicandoli con l’etichetta “mobile-friendly”.I siti non ottimizzati, invece, compaiono in fondo ai risultati;

Benefici SEO

grazie al design responsive, tutti i link presenti in un sito sono diretti verso uno stesso dominio e non è più necessaria una duplicazione dei contenuti. Ciò permette un migliore posizionamento SEO del sito e l’indicizzazione risulta più efficace.

Aumento delle visite

tutti gli utenti che navigano abitualmente da dispositivi mobile, se sono soddisfatti della loro user-experience, rimangono sul sito e magari ne fanno pure ritorno;

Diminuzione dell’abbandono

se l’utente nota che il sito è ben ottimizzato sul mobile e la navigazione è semplice, ci saranno probabilità che abbandoni la pagina.

Aumento delle conversioni

un sito facilmente navigabile da dispositivi mobile, grazie al miglior posizionamento tra i risultati di ricerca, porta ad un aumento di potenziali clienti e, nel caso di un sito e-commerce, semplifica la procedura di acquisto online.

Aggiornamenti automatici

un sito responsive, progettato sin dalla partenza, non necessita di continui aggiornamenti manuali come invece richiede un sito mobile; tutte le modifiche vengono apportate inizialmente e poi si aggiornano in automatico, risparmiando tempo.